PIEMONTE PER I RIFUGIATI AFGHANI

PIEMONTE PER I RIFUGIATI AFGHANI post thumbnail image

Il centro Fenoglio della Croce Rossa Italiana di Settimo Torinese che ospita e sta tuttora ospitando più di 300 rifugiati afghani, è stato visitato dal presidente della regione Piemonte e dall’assessore regionale Welfare. Durante questa visita le parti accompagnati dal presidente regionale della Croce Rossa italiana e dal sindaco di Settimo Torinese, hanno elogiato l’impegno offerto dal CRI e dalla protezione civile regionali e in più sono rimasti veramente contenti di vedere come operava il sistema d’accoglienza piemontese riaffermando la loro intenzione e determinazione nel sostenere le famiglie afghane rifugiate in italia a causa di continue guerre religiose. Le famiglie approdate in Italia sono arrivate in tre momenti diversi. Appena approdate in Italia sono stati sottoposti ai test per vedere se hanno contratto il virus e poi dopo quando sono arrivati in Piemonte sono stati messi tutti in quarantena poi vaccinati. Eventualmente i membri di ogni famiglia sono stati mandati nei centri di accoglienza presenti nella regione Piemonte. Per sostenere le famiglie rifugiate la regione Piemonte ha messo a disposizione delle famiglie una somma pari a 10’000 euro.

INGLESE 

PIEDMONT FOR AFGHAN REFUGEES 

The Fenoglio centre of the Italian Red Cross in Settimo Torinese, which hosts and is still hosting more than 300 Afghan refugees, was visited by the President of the Piedmont region and the Regional Councillor for Welfare. During this visit the parties accompanied by the regional president of the Italian Red Cross and the mayor of Settimo Torinese, praised the commitment offered by the CRI and the regional civil protection and were really happy to see how the Piedmontese reception system operated reaffirming their intention and determination to support Afghan families refugees in Italy cause of continual religious wars. The families arrived in Italy at three different times. As soon as they arrived in Italy they were tested to see if they contracted the virus and then after when they arrived in Piedmont they were all quarantined then vaccinated. Eventually the members of each family were sent to the reception centers in the Piedmont region. To support refugee families, the Piedmont region has made available to families a sum of 10,000 euros.

autolettura: 1 min. 30 sec.

Leave a Reply

Your email address will not be published.